L’arte del libro alla Scuola dal 1987

  • Dal 6 al 31 ottobre 2017
  • Inaugurazione: venerdì 6 ottobre, ore 18:00

L’arte del Libro fa parte della storia di Venezia e la Scuola è il luogo ideale dove continuare questa tradizione per proiettarla nel mondo dell’arte contemporanea. Con questo obiettivo, ormai da un trentennio, la Scuola Internazionale di Grafica ha strutturato un programma dedicato all’arte del libro. La stamperia ha visto artisti affermati a livello mondiale succedersi alla guida dei corsi e dedicarsi ai loro stessi progetti. I libri della collezione della Scuola sono circa 400. Diversi di questi, selezionati, sono stati esposti in varie Biblioteche di Università e Fondazioni in Italia, negli Stati Uniti, America Latina, oltre che al Center for the Books’ Art a New York ed alla School of Art, Media and Design di Bristol, U.K. La selezione di libri presentata in questa rassegna comprende anche opere donazioni, realizzate da diversi artisti internazionali all’esterno della nostra stamperia./p>

Dal 1987 ad oggi in questa Scuuola hanno insegnato l’arte del libro:
Bertrand Dorny (Francia), Elias Benavides (Spagna), Micharel Taylor (U.K.), Sasha White (U.S.A.), Greg Murr (U.S.A.), Jeff Dell (U.S.A.), Franco Vecchiet (Italia), Carrie Galbrithe (U.S.A), Adrienne Gale (U.S.A.), Lou Joseph (U.S.A.), Kestutis Vasiliunas (Lituania), Angela Lorenz (U.S.A.), Mandy Bonnell (U.K.) e molti altri ancora. Diversi artisti del Libro hanno partecipato alla vita della Scuola come ospiti in residenza. Tra loro, Maria Lai (Italia), Uta Schneider e Ulrike Stoltz (Germania), Lena Bergstein (Brasile), John Ross (U.S.A.), Helen Douglas (Scozia) e Peter Koch (U.S.A.), che ha voluto stampare qui alla Scuola il testo del libro “Watermark”  di J.Brodsky.

Ogni libro della collezione racconta la sua storia attraverso diverse sequenze di spazi e di tempo. Non in tutti i lavori si trovano i tradizionali elementi di testo e immagini: ci sono libri oggetto o semplici strutture di fogli piegati, libri minuscoli, minimalisti o molto elaborati e di forte impatto. Alla radice di ogni lavoro c’è una motivazione personale che risulta sempre “leggibile” in trasparenza. Il libro è infatti un intimo, veritiero e complesso modo di esprimersi per ogni suo esecutore. Nel programma della Scuola si insegnano la storia e le tecniche del libro con regole precise per ogni parte della sua struttura e funzione. Regole che, una volta apprese, si possono anche rompere per ricostruire il libro in un modo del tutto nuovo.

La realizzazione di un Libro d’Artista è un procedimento complesso in cui non sempre una decisione presa all’inizio viene portata avanti fino alla fine. Vanno inventate  soluzioni per ogni problema che emerge e le vie d’uscita affiorano attraverso la creatività, che spesso porta ad un risultato a sorpresa. Si tratta di esplorare tecniche manuali, di stampa e di rilegatura per poi applicarle, facendo in modo di restare fedeli all’idea iniziale. Attraverso l’esperienza del fare da sé, è bello immergersi in questa forma d’arte, il cui interesse è in costante espansione nel mondo.

Mostra curata da Matilde Dolcetti e Déirdre Kelly