Retrospettiva di un grande designer veneziano

  • 24 marzo – 8 aprile 2017
  • Inaugurazione: venerdì 24 marzo, ore 17:00
  • Orario: da lunedì a venerdì, 10:00-12 / 14:00 – 18:00

Giulio Cittato è stato uno dei più importanti designer grafici Italiani ed autore di molti progetti internazionali e, a Venezia dei loghi di Coin, dell’Acnil e dell’ACTV.

Sono esposti molti progetti e schizzi di questo designer, studente prima (1961-1963) e docente poi presso il Corso superiore di disegno industriale organizzato dall’Istituto Statale d’Arte di Venezia, quindi attivo sino alla sua prematura scomparsa, nel 1986, in Italia e negli stati Uniti.

Dopo un’esperienza lavorativa presso la Rinascente Upim di Milano, è chiamato negli USA da Massimo Vignelli per collaborare nella sede di Chicago della Unimark International Corporation for Design and Marketing. Dopo altre esperienze nel Center for Advanced Research in design e nella Container Corporation of America, rientra a Venezia, non limitando, però il suo lavoro all’area veneta. Nei primi anni ’70 progetta il marchio con l’immagine coordinata di Coin.

Già durante gli studi, Cittato si era appassionato ad un approccio verso la grafica con un linguaggio, essenziale e “oggettivo”, non commerciale, basato sull’uso di pochi caratteri e di un forte senso d’impatto e di significato, simile a quello di Vignelli, articolandolo in modo vivo e creativo ed elaborando, così, una propria cifra stilistica.

La sua opera rimane e si propone alle nuove generazioni come esempio di un talento fresco e al tempo stesso professionalmente rigoroso, in cui l’energia dell’idea viene misurata sulla concreta fattibilità del progetto, secondo i canoni della progettazione grafica.

In occasione della mostra, abbiamo deciso di portare a termine il progetto di catalogo delle sue opere, iniziato da Cittato prima della scomparsa, impaginandolo seguendo le indicazioni desunte dai suoi schizzi.